Regime forfettario: Bonus Pc

Regime forfettario: Bonus Pc

Regime forfettario: Bonus Pc: Esempio se spendi 1000 €: -> il credito d’ imposta è di 60 € utilizzabile solamente in compensazione (su F24) dall’ anno successivo in 5 quote costanti da 12 € (in questo caso) / anno.

Quindi: solo il 6% di quanto spendi genera credito.

Il nuovo Credito d’Imposta

Si applica anche ai professionisti in regime forfettario il nuovo credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi, come arredi e Pc.

Una ridefinizione degli incentivi che ha comportato anche la cancellazione, a partire dal 2020, del cosiddetto super-ammortamento.

Del super-ammortamento non potevano beneficiare i forfettari, ossia i contribuenti che, non superando i 65 mila euro annui di ricavi o compensi, applicano il regime agevolato con aliquota unica al 15 %, sostitutiva dell’imposta sul reddito, delle addizionali comunali e regionali e dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Al contrario il nuovo credito di imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi sembra non escludere i contribuenti, inclusi i professionisti, in regime forfettario.

I beni ammessi al credito

Con il nuovo sgravio sono dunque agevolabilianche per i professionisti forfettari – gli investimenti, effettuati nel corso del 2020, in beni materiali nuovi strumentali all’esercizio della professione, come i computer, le stampanti, gli arredi per l’ufficio e i plotter.

Sono esclusi: moto e automobili e altri mezzi di trasporto, anche se utilizzati per l’esercizio della professione, i software e i beni strumentali usati.

Il credito d’imposta è riconosciuto nella misura del 6 %, fino al limite massimo di costi ammissibili pari a 2 milioni di euro.

Il credito spettante è utilizzabile esclusivamente in compensazione, quindi non in altro modo,  in 5 quote annuali di pari importo a decorrere dall’anno successivo a quello di entrata in funzione dei beni.

La documentazione da conservare

I soggetti che si avvalgono di questo credito d’imposta sono tenuti a conservare, pena la revoca del beneficio concesso, la documentazione idonea a dimostrare l’effettivo sostenimento e la corretta determinazione dei costi agevolabili.

“Devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni della legge di Bilancio

Altrimenti nessun Credito!

Ti è piaciuto l’articolo?
Commenta qui sotto e facci sapere cosa ne pensi di quest’argomento e condividi sui Social la Tua opinione a riguardo.
Vuoi aprire la Tua partita IVA? 
Hai domande su come aprire il tuo ecommerce? 
Un negozio di frutta e verdura? 
Vuoi aprire il tuo negozio da parrucchiera?
Vuoi aprire partita iva come idraulico? Elettricista? Rider per Just Eat o Deliveroo?
Vuoi saperne di più su come e cosa ci vuole per diventare autotrasportatore?
Contattaci!

+393274756858 via What’s App o telefonaci negli orari di ufficio, o mandaci pure una email esponendo il tuo caso direttamente a me: Dottoressa Romano Sabrina

Vuoi saperne di più su altre notizie e non trovi il professionista che ne parla?? Contattami.

Leggi gli altri articoli di Fiscogenova News direttamente da qui.
Ecco il nostro # hashtag : #fiscogenova , cercaci sul tuo Social preferito.

Usiamo Instagram, Telegram, Facebook, Linkedin, Reddit, Google, What’sApp, MeWe, Pinterest, Flikr, Tumblr, Twitter, Blogspot, ecc
per tenervi informati con la nostra rubrica di notizie, secondo noi, più rilevanti, non solo prettamente fiscali.

Iscriviti alla nuova Newsletter Settimanale
di Fiscogenova.



Ed ecco il nostro motto, essendo approdati anche su Podcast: #senonhaitempoperleggereascoltaci – se non hai tempo per leggere, ascoltaci su Spotify ad esempio: Podcast #fiscogenova.


Siamo presenti anche su Youtube, seguici anche tu sul nostro canale ufficiale: #fiscogenova.


Compra anche tu il mio salvadanaio consapevole!
Il Salvadanaio che ti fa risparmiare facendoti capire dove devi limitare le spese!
Il Salvadanaio consapevole
Il tuo Salvadanaio per amico!